Vietri sul Mare

Vietri sul Mare

Vietri sul Mare, la patria delle ceramiche, è l’ultimo dei paesi della Costiera Amalfitana verso sud e fa parte a pieno diritto dei borghi e dei paesi che dovrebbero essere visitati durante la nostra vacanza. Vietri è una piccola realtà di circa 8.500 anime e che vanta tra le più antiche origini di tutta la Costiera.

Se stai cercando informazioni sulla città, ti suggeriamo di leggere la nostra guida dettagliata che ti accompagnerà passo passo verso la scelta del tuo itinerario di viaggio.

Vediamo insieme cosa visitare a Vietri sul Mare, uno dei gioielli forse meno conosciuti tra quelli che possiamo trovare lungo la Costiera Amalfitana.

Come arrivare a Vietri sul Mare

Auto – Per chi arriva da Salerno è la prima città da della Costiera, mentre per chi arriva da Napoli si può percorrere l’autostrada A3 direzione Salerno e poi prendere l’omonima uscita, ovvero Vietri sul Mare. Da qui si prosegue sulla Statale SS 163 e in pochi minuti si può arrivare a Vietri.

Sappiamo quanto la Statale 163 Amalfitana possa spaventare, soprattutto se non si è abituati a strade strette e tortuose. Sappiamo anche quanto possa essere frustrante partire con l’auto verso una meta turistica che si prospetta affollata, con l’incubo di dover impazzire per trovare un posto auto! Per questo, abbiamo scritto una guida gratuita per te, avendo cura di inserirvi tutte le informazioni indispensabili per rendere facili, agevoli e a prova di imprevisto gli spostamenti in Costiera Amalfitana, sia con l’auto, che con i mezzi pubblici. All’interno trovi anche la lista dei parcheggi per auto e moto!

Scarica subito “Come spostarsi in Costiera Amalfitana senza stress”!

Autobus – Chi volesse invece arrivare tramite trasporto pubblico troverà dei buoni collegamenti attraverso gli autobus SITA SUD da Salerno e da Amalfi, che effettuano servizio regolare sia durante la stagione alta che in inverno.

Anche i traghetti Travelmar fanno fermata a Vietri sul mare.

Dove Dormire a Vietri sul Mare

Cerchi un posto dove dormire a Vietri sul Mare? I migliori li abbiamo già selezionati per te!

Cosa vedere a Vietri sul Mare: Tour ed Escursioni

La chiesa di San Giovanni Battista

Con la sua cupola caratteristica, realizzata con delle splendide maioliche colorate, la chiesa di San Giovanni Battista è forse tra i più importanti edifici storici da visitare durante la nostra vacanza in costiera. Il Duomo sul Mare si trova al centro del borgo antico e in posizione assolutamente dominante sul territorio della cittadina. Campanile e cupola sono tra le bellezze più incredibili che avrai modo di visitare durante la permanenza in Costiera e anche gli interni, dove si avvicendano lo stile romanico, quello rinascimentale e quello barocco, sono di grande interesse per chi ama la bellezza. Splendido anche il soffitto a cassettoni in oro zecchino, che risale al 17esimo secolo e l’altare in tarsie marmoree.

Una visita al museo provinciale della Ceramica

Per chi si interessa invece di ceramica, che è poi il prodotto artigianale più importante di tutta l’area, c’è anche la possibilità di visitare il Museo Provinciale della Ceramica, che si trova proprio a Vietri, all’interno di Villa Guariglia. Al suo interno troverai vasellame concepito per uso quotidiano; il grosso delle produzioni di quello che va sotto il nome di “periodo tedesco” per le ceramiche salernitane; un incredibile assortimento di oggetti in ceramica a tema religioso; La produzione artistica contenuta all’interno del museo è di sicuro valore e vale la pena riservare un paio di ore per la visita al museo.

La Villa Comunale di Vietri sul Mare

Nei pressi dell’imponente edificio delle Ceramiche Solimene, alla fine del Centro storico di Vietri sul Mare, trovi la splendida Villa Comunale di Vietri, dove ti consigliamo di fermarti, anche se sei soltanto di passaggio.

Il parco è coperto di maioliche colorate, che luccicano alla luce del sole, creando un’ambientazione molto suggestiva, che ricorda Parc Guell a Barcellona. La Villa custodisce anche un piccolo anfiteatro che d’estate ospita eventi culturali.

Affacciati da qui per goderti lo splendido panorama e per scattare foto di sicuro effetto!

Le altre tappe storiche e monumentali della visita a Vietri sul Mare

La visita a Vietri sul Mare e nei suoi immediati dintorni dovrebbe considerare anche:

  • L’arciconfraternita dell’Annunziata e del Rosario: bellissimo edificio del ‘600 abbellito da splendide decorazioni in ceramica dipinta e affreschi;
  • La Torre della Marina di Vietri;
  • a Raito, a pochi passi da Villa Guariglia, anche la Torretta Belvedere;
  • la Torre di Dragonea.

Cosa fare a Vietri sul Mare

Alla ricerca di idee per arricchire la tua vacanza? Abbiamo selezionato le migliori esperienze a Vietri sul Mare e dintorni!

Trekking e passeggiate

Il Parco Croce oasi WWF

Se ami la natura, hai anche la possibilità di visitare Parco Croce, un’oasi WWF regalata dalla famiglia di Benedetto Croce e che si trova a pochissimi passi dal centro abitato di Albori.

Questa bellissima oasi, coperta in parte da bosco di macchia mediterranea, custodisce anche un discreto assortimento di fauna naturale, con natrici, biacchi, tassi, faine, cinghiali e volpi.

Il parco i è inoltre abitato da numerosi rapaci, tra cui civette, falchi pellegrini, gheppi, poiane e sparvieri.

Il sentiero dei Borghi Vietresi

Da Marina di Vietri raggiungi Raito, Albori, Iaconti e Dragonea, le frazioni di Vietri, di cui ti parleremo meglio nei prossimi paragrafi. Il cammino, attraverso “Via Madonna dell’Arco”, porta dapprima sulla Statale 163 Amalfitana, da cui si prende un’altra scala che passa tra i borghi. Si giunge prima a Raito, sbucando nella piazzetta della Chiesa della Madonna delle Grazie. Dopo una pausa contemplativa, si procede verso Albori, terzo borgo più bello d’Italia. Da qui, attraverso un sentiero naturalistico, si raggiunge Dragonea, successivamente Benincasa. Da qui, per il ritorno, la strada è piacevolmente in discesa e ritorna al centro di Raito, da cui si procede per Marina di Vietri.

Da Raito al Monte Avvocata

Dalla località Turino della frazione di Raito si può intaprendere un percorso segnato dal CAI che conduce al Monte Avvocata. Il sentiero attraversa la Cappella nuova e poi, attraverso una salita, raggiunge la Cappella Vecchia. Da qui parte si cammina dapprima in piano, successivamente si percorre la strada in salita che conduce all’Acqua Fredda e infine alla cime del monte, dove sorge il Santuario. Non molto distanti, le grotte dove sarebbe apparsa la Madonna, a cui è dedicata la festa che viene celebrata tradizionalmente 50 giorni dopo la Pasqua.

Esperienze che puoi fare solo a Vietri sul Mare

Cosa puoi fare, se decidi di pernottare a Vietri sul Mare?

Come già ti abbiamo accennato all’inizio di questo articolo, il primo borgo della Costiera venendo da Salerno, rappresenta la patria della ceramica lavorata a mano. Te ne accorgerai appena avrai iniziato il giro di perlustrazione della città: le edicole votive, su cui spiccano i dettagli in ceramica nei tipici colori della Costiera, le classiche “riggiole” (piastrelle policrome) vietresi, le acquasantiere, i tipici asinelli vietresi cattureranno la tua attenzione, come faranno sicuramente i numerosi negozi che espongono oggetti e souvenir in ceramica.

Avrai capito che tra le prime cose ti consigliamo un giro di shopping: ogni oggetto in ceramiche che vedrai esposto è realizzato interamente a mano, attraverso un processo di lavorazione artigianale, che si tramanda di generazione in generazione.

Alcuni laboratori offrono corsi di introduzione alla ceramica vietrese, che ti permetteranno di conoscere nel dettaglio i processi di lavorazione e di metterti personalmente alla prova nella realizzazione di un oggetto da portare a casa.

Se cerchi altre esperienze, ti ricordiamo che Vietri dista pochi minuti da Cava de’ Tirreni: qui potrai andare alla scoperta del centro medioevale della città e delle gemme del suo ricco passato.

Preferisci il mare? Da Salerno partono dei tour in barca diretti in Costiera Amalfitana, che ti permetteranno di osservare le perle nascoste della Divina e di fare tappa presso i luoghi più iconici o le spiagge più esclusive!

Le Frazioni di Vietri sul Mare

  • Molina: la più vicina delle frazioni di Vietri sul Mare. Si trova sotto il livello della Nazionale che conduce a Cava de’ Tirreni. La fisionomia del paese è stata compromessa dall’alluvione del ’54, ma rimangono i piloni di un acquedotto costruito nel 1320.
  • Raito: fu scelta come residenza del Re Vittorio Emanuele III dall’agosto del ’44 all’aprile del 45. Fai sosta presso il Museo Provinciale della Ceramica, all’interno della splendida Villa Guariglia, e goditi la vista spettacolare dal Belvedere. Poi procedi a piedi per il borgo: la particolarità di Raito è che può essere percorsa solo a piedi da un’unica strada che passa tra casette bianche, vicoli e cortili.
  • Albori: procedendo dalla strada principale di Raito, puoi raggiungere questo borgo alle pendici del Monte Falerio. Fermati qui ad assaporare la lentezza e il silenzio nella piazzetta antistante la chiesetta di S. Margherita di Antiochia, costuita nel ‘500, a tre navate, decorata con stucchi, affreschi e uno splendido pavimento in ceramica. Da qui, puoi intraprendere il piacevole percorso naturalistico che ti conduce sulla cima del Monte Falerio
  • Benincasa: una delle due frazioni collinari di Vietri sul Mare, incastonata tra alberi e terrazzamenti. Questa frazione è devota a San Francesco da Paola che, secondo la tradizione, avrebbe soggiornato presso queste colline. Guardandoti intorno, vedrai tante edicole votive, che spiccano per i colori tipici della ceramica vietrese: il giallo, il blu, la ramina, il rosso.
  • Dragonea: il borgo comprende i casali di Vallone, Iaconti e Padovani. Da quest’utlima, parte un sentiero che raggiunge le grotte di S. Cesareo, dove si ammirano i resti di un edificio ecclesiastico, che si trova davanti alla grotta dove abitò il santo.

Le Spiagge di Vietri sul Mare

Vietri Sul Mare può essere molto interessante anche per il turismo balneare, nonostante la vicinanza con il porto di Salerno renda le acque forse leggermente meno limpide di quelle che si possono trovare nel resto della Costiera Amalfitana. All’interno dell’area di Vietri possiamo trovare:

  • Marina di Vietri: è una spiaggia di recente formazione, che è conseguenza dell’alluvione che colpì nel 1954 tutti i paesi e i borghi tra Minori e Vietri. Dal fondo sabbioso, vede al suo centro geografico il fiume Bonea. Da un lato stabilimenti privati, dall’altro invece la spiaggia libera;
  • La Baia: è la spiaggia più a sud, proprio sul confine con Salerno. È molto interessante in quanto una delle poche spiagge in sabbia della Costiera. È molto ampia e lunga e può essere facilmente raggiunta sia con i mezzi pubblici, sia con l’auto;
  • La Crespella: è una spiaggia che è cinta da bellissime torri del ‘500 e che trova proprio di fronte a sé i faraglioni di Vietri sul Mare, che vengono chiamati praticamente da sempre I Due Fratelli. Sulla spiaggi insiste un piccolo stabilimento privato che offre anche servizi di parcheggio.

Eventi a Vietri sul Mare

La festa patronale

Il 24 giugno si festeggia San Giovanni Battista, il Patrono della città. L’occasione è ghiotta per toccare con mano le tradizioni locali, che sono sempre una sorprendente mescolanza di riti religiosi e folkore popolare. Come sempre, la partecipazione dei locals è sentita ed appassionata. Non mancano i tradizionali fuochi d’artificio a concludere le celebrazioni.

La festa di Montecastello a Cava de’ Tirreni

Vista la vicinanza, non possiamo non menzionare la suggestiva Festa di Monte Castello, che si svolge ogni anno, nella seconda metà di giugno, a Cava de’ Tirreni.

La manifestazione è molto particolare e celebra il miracolo dell SS. Sacramento, che avrebbe sconfitto la peste del 1656. Per celebrare questo evento, ogni anno si svolge un rituale molto particolare e molto sentito dagli abitanti della città: viene dapprima issata una bandiera rossa e gialla sul castello. Per l’ccasione viene anche allestito un palo del SS. Sacramento posizionato accanto alla croce di ferro. Nei giorni precedenti la festa si svolgono cortei in costume, in cui i postonieri dei singoli casali sfilano indossando i vessilli delle rispettive frazioni. Dopo la tradizionale messa, tutti i pistonieri pranzano insieme ed infine fanno rimbombare a valle gli spari a salve dei pistoni.

Le celebrazioni si concludono con un suggestivo gioco di fuochi d’artificio, che ricorda l’incendio del castello. La manifestazione è davvero molto particolare e merita sicuramente una visita, vista la vicinanza di Vietri sul Mare con la città di Cava de’ Tirreni.

Luci d’artista a Salerno

Come Cava de’ Tirreni, anche la città di Salerno dista pochi km, che si percorrono in circa dieci minuti di auto o di pullman. Se ti trovi a Vietri sul Mare a cavallo dei periodo natalizio, non perderti le Luci d’artista, evento che ogni anno, solitamente da novembre a gennaio, immerge la città in un’atmosfera magica, con luminarie che lasciano a bocca aperta. Evento sicuramente imperdibile, soprattutto se viaggi con i più piccoli.

Perchè scegliere Vietri sul Mare come destinazione

La città di Vietri sul Mare è la prima perla della Costiera Amalfitana, venendo da Salerno. La sua posizione offre notevoli vantaggi, perchè evita di dover percorrere la tanto temuta Statale 163 Amalfitana. Oltre a questo, la vicinanza alle città di Salerno e Cava de’ Tirreni la rende meta ideale per coloro che cercano una destinazione di viaggio che coniughi il relax delle giornate al mare alla possibilità di godersi la vita notturna in città.

Cava de’ Tirreni e Salerno offrono un’ampie scelta di locali, bar e discoteche, oltre al piacere di una vivace movida serale, che anima le zone più interessanti di entrambe le città.

Scegli Vietri sul Mare come destinazione di viaggio se:

  • Ti interessa visitare i suoi borghi nascosti e goderti la tranquillità e la calma di località uniche nel loro genere, come Raito e Albori
  • Viaggi in comitiva o cerchi una destinazione che ti permetta di avere a portata di mano locali notturni e discoteche, senza rinunciare al mare incantevole della Costiera Amalfitana.

Il momento migliore per visitare Vietri sul mare

Prediligi la primavera e l’autunno, soprattutto se la tua intenzione è andare alla scoperta del lato nascosto della città e delle altre destinazioni della Costiera Amalfitana.

In queste stagioni, infatti, ti sposti con più facilità e non risenti del caldo, che caratterizza i mesi centrali dell’estate. Inoltre, eviti il traffico e le spiagge affollate: ti ricordiamo che essendo Vietri sul Mare il primo paese della costiera, nei mesi estivi le sue spiagge sono prese d’assalto anche dagli abitanti delle città vicine.

Curiosità su Vietri sul Mare

Gli asinelli di Vietri sul Mare non li hanno inventati i vietresi

Gli iconici asinelli blu, che vedrai ovunque e che sicuramente ti verrà voglia di portare a casa, sono stati creati da ceramisti tedeschi, tra gli anni ’20 e ’40 del 900. In questo periodo, infatti, molti ceramisti ebrei si rifugiarono a Vietri sul Mare: da abili chimici, inventarono alcune colorazioni che ancora oggi caratterizzano le famose ceramiche vietresi. Molti di questi artisti, colpiti da alcuni elementi tipici della quotidianità locale, iniziarono a riprodurli attraverso le ceramiche. Tra queste figura sicuramente il tradizionale asinello, da sempre mezzo di trasporto fondamentale lungo le antiche stradine della Costiera.

Uno scoglio che racconta la storia di due fratelli

Dal lungomare e dalla spiaggia di Vieri sul Mare è impossibile non notare due enormi rocce che si stagliano contro l’orizzonte: si tratta dello Scoglio dei due Fratelli, al quale si legano due leggende molto affascinanti.

La prima trae origine dalla cultura greca e vede come protagonisti due pastori che, mentre portavano il gregge al pascolo, notarono una fanciulla in pericolo, a causa di una tormenta che si stava avvicinando. I due fratelli si lanciarono in soccorso della ragazza, ma morirono, nel tentativo di salvarle la vita. La fanciulla era la figlia di Poseidone e chiese al padre di ergere due scogli a memoria eterna dei due generosi fratelli.

La seconda leggenda è legata alla fondazione della vicina città di Salerno.

Con il secondo racconto entriamo nella lunga guerra tra Saraceni e Salernitani, che stremati dalle battaglie, per stabilire un vincitore, decisero di far sfidare a duello i due condottieri più valorosi di entrambi gli eserciti. Fu così che si scontrarono Umfredo dei Landolfi, per l’esercito salernitano, e il principe Rajan, per quello saraceno. I due contendenti combatterono così a lungo e così strenuamente, da arrivare, esausti, a stabilire una pausa sulla spiaggia di Vietri sul Mare. Fu durante questa tregua che i due si resero conto di essere fratelli, ma la loro rivelazione fu seguita da una tragica fatalità, poichè furono colti di sopresa dalla marea, che li uccise.

La Storia di Vietri sul Mare: tra leggenda e realtà

Il mito racconta che Giasone e cinquanta Argonauti nel loro peregrinare alla ricerca del Vello d’oro, furono fatti precipitare su questi lidi dalla forza adirata di Eolo; innamoratosi di questo litorale l’eroe vi fondò una città e vi edificò un tempio dedicato ad Hera Argiva. Al di là della leggenda, le origini di Vietri sono riconducibili all’antica Marcina, città etrusca, collocata dove oggi è la Marina di Vietri, citata nella geografia di Strambone con funzione prevalentemente mercantile quale territorio al servizio di Nuceria.

Rinomata per ricchezza, eleganza e lusso, Marcina, antenata classica di Vietri sul mare, fu celebre nell’antichità per il culto delle arti e lo sviluppo del commercio marittimo e terrestre.

Distrutta e saccheggiata nel 456 dalle orde vandaliche di Genserico, fu ricostruita nell’ VIII secolo dai marcinesi superstiti che avevano trovato rifugio sui monti vicini fondando sulle rovine della città distrutta un nuovo centro a cui diedero il nome di Vietri (dal latino vetus, cioè vecchio, antico), dando così vita alla comunità che più tardi si strinse e si sviluppò intorno alla chiesa di S. Giovanni Battista: l’attuale abitato di Vietri sul mare.

A cavallo dell’anno Mille il territorio, occupato da insediamenti sparsi tra Vietri, Marina di Vietri e Molina, dal punto di vista amministrativo era periferia di Salerno; nel Medioevo fu affidata al monastero benedettino della SS. Trinità di Cava. Dal Rinascimento al secolo scorso fece parte della città di Cava de’ Tirreni e solo nel 1806 divenne comune autonomo.

Oltre che importante centro turistico, oggi Vietri sul Mare è soprattutto un importante centro di produzione di ceramiche artistiche e di rivestimento e da tale attività trae i suoi redditi maggiori. Fedeli alla loro antica tradizione artigianale, i ceramisti di Vietri forgiano con profonda passione e maestria le belle ceramiche dai colori vivaci e luminosi, originali nel disegno e nelle forme, assai note sul territorio nazionale, apprezzate e ricercate anche all’estero.

Nei dintorni

Praiano

Praiano


Praiano è un antico borgo di pescatori adagiato sulla dorsale che dal monte S. Angelo scende a tre Pizzi, verso il Capo Sottile, in una delle più belle insenature della…
Furore

Furore


Furore è uno di borghi più suggestivi della Costiera Amalfitana. Ė patrimonio dell’ UNESCO e fa parte dei borghi più belli d’Italia. Conosciuta soprattutto per il suo suggestivo Fiordo, è…
Atrani

Atrani


Fisicamente quasi unita ad Amalfi, si colloca su uno stretto lembo di terra tra il monte Aureo e Civita, allo sbocco della Valle del Dragone. Stretta tra arditi picchi rocciosi…