Pompei

Pompei

Se siete in vacanza sulla Costiera Amalfitana, non lasciatevi sfuggire l’opportunità di visitare Pompei. Questa incredibile città archeologica vi offrirà un’esperienza unica, un viaggio nel tempo che vi lascerà affascinati e ispirati. Preparatevi a essere trasportati indietro nel tempo, tra le strade e le rovine di una delle città più emblematiche dell’antica Roma.

Come arrivare a Pompei

In questa sezione, ti daremo tutte le informazioni utili per raggiungere la città di Pompei, sia che ti viaggi in auto, sia che ti sposti con i mezzi pubblici.

Avremo come punto di riferimento la Costiera Amalfitana, perché abbiamo in mente i viaggiatori che durante la loro vacanza vogliono concedersi una giornata fuori, alla scoperta del suo affascinante sito archeologico e dei preziosi tesori storici che custodisce.

Tuttavia, allo scopo di fornire informazioni anche a chi fa il percorso inverso, cioè decide di pernottare a Pompei e spostarsi eventualmente verso altre mete, alla fine di questo paragrafo troverai anche le informazioni utili per raggiungere la tua destinazione, sia che tu venga da Nord, sia che tu venga da Sud.

Se vuoi raggiugnere Pompei dalla Costiera Amalfitana, viaggiando in auto, puoi avere come primo punto di riferimento Salerno o Sorrento. Moltissimo dipende da dove pernotti: se, ad esempio, il tuo punto di partenza è Positano, ti conviene raggiungere Sorrento e poi procedere per Pompei. Se, invece, parti da altre località più vicine a Salerno, come Cetara e Vietri, segui le indicazioni per Salerno.

In sintesi, le opzioni sono queste:

Dalla Costiera Amalfitana, segui la strada SS163 in direzione di Castellammare di Stabia. Da lì, prendi l’autostrada A3 in direzione di Napoli e poi prendi l’uscita Pompei Ovest. Segui le indicazioni per Pompei, che ti porteranno direttamente al sito archeologico.

Da Salerno, prendi l’autostrada A3 in direzione di Napoli. Dopo circa 25 chilometri, prendi l’uscita Pompei Ovest. Segui le indicazioni per Pompei,per raggiungere il sito archeologico.

Anche se viaggi con i mezzi pubblici hai due opzioni, che dipendono sempre da dove pernotti. 

In linea generale, devi sempre raggiungere prima Salerno o Sorrento in autobus o in traghetto e successivamente prendere un altro mezzo di trasporto (autobus o treno), poiché non esiste una linea ferroviaria in Costiera Amalfitana.

Puoi raggiungere entrambe le destinazioni sia con gli autobus Sita Sud, sia a bordo dei traghetti Travelmar.

📣 A proposito: se decidi di spostarti via mare, qui puoi prenotare fin da subito il tuo biglietto!

Da Sorrento puoi viaggiare sugli autobus della linea della società EAV (Esercizio Autoferrotranviario) che collegano Sorrento a Pompei e impiegano circa 30-40 minuti per arrivare a Pompei, oppure prendi il treno della linea Circumvesuviana in direzione di Napoli. Scendi alla stazione di Pompei Scavi – Villa dei Misteri, che si trova proprio di fronte all’ingresso degli scavi archeologici di Pompei. In questo caso, il tempo di percorrenza in treno da Sorrento a Pompei è di circa 30 minuti.

Da Salerno prendi il treno metropolitano che parte ogni mezz’ora e che raggiunge Pompei in circa 40 minuti. Un’alternativa è prendere l’autobus della linea SITA che collega Salerno a Pompei. Gli autobus partono regolarmente dalla stazione degli autobus di Salerno e impiegano circa 40-50 minuti per raggiungere la città.

Se parti da Nord (Roma) in auto: prendi l’autostrada A1 in direzione sud verso Napoli. Prosegui sull’autostrada fino all’uscita per l’autostrada A3 in direzione di Salerno/Reggio Calabria. Continua lungo l’autostrada A3 fino all’uscita Pompei Ovest. Segui le indicazioni per Pompei che ti condurranno direttamente al sito archeologico. 

Se viaggi con il treno, il punto di riferimento è la Stazione di Napoli Centrale. Una volta giunto qui, procedi per la stazione Metropolitana e prendi la linea Circumvesuviana in direzione di Sorrento e scendi alla stazione Pompei Scavi-Villa dei Misteri. La durata del viaggio da Napoli Centrale a Pompei Scavi-Villa dei Misteri è di circa 30-40 minuti in treno.

Se, invece parti da Sud, prendi l’autostrada A3 in direzione nord, se viaggi lungo la costa, o l’Autostrada A16 in direzione nord se viaggi nell’entroterra. Procedi lungo l’autostrada fino all’uscita Pompei Ovest o Pompei Est, a seconda della tua provenienza.

A proposito di spostamenti, lo sai che abbiamo scritto una guida completamente gratuita per aiutarti a organizzare tutti i tuoi spostamenti in Costiera Amalfitana? Non perdertela!

Cosa Vedere a Pompei: Tour ed escursioni

Stai per iniziare un autentico viaggio nel passato! 

Questa città, sepolta e conservata dalle ceneri vulcaniche per secoli, custodisce un’incredibile varietà di tesori archeologici da esplorare: dal famoso sito archeologico, con le sue strade lastricate, le case, i templi e gli affreschi magnificamente conservati, fino al Forum, ai bagni pubblici e agli anfiteatri, ogni angolo di Pompei offre uno spunto per parlare di storia e per immergersi nella vita quotidiana dell’epoca romana. 

In questo paragrafo, scopriamo cosa vedere in questa città che permette di toccare con mano il fascino della storia, nei suoi più piccoli dettagli.

📍 Il Foro

Il cuore pulsante di Pompei, era il centro politico, sociale ed economico della città. Qui si trovano le rovine del tempio di Giove, dei tribunali, delle basiliche e dei negozi.

In antichità era un luogo animato e vivace, con il costante flusso di persone che si riunivano per discutere di affari, fare acquisti e partecipare a eventi pubblici. Oggi, puoi camminare tra le colonne e le rovine del Foro, immergendoti con l’immaginazione nella vita nella città romana. È un luogo affascinante in cui si intrecciano storia, arte e cultura, offrendo uno sguardo unico sul passato glorioso di Pompei.

📍 Gli Scavi Archeologici

Con la loro estensione di oltre 44 ettari, gli scavi archeologici di Pompei sono un vero e proprio museo all’aperto, uno dei più importanti al mondo.

 Potrai passeggiare tra antiche strade lastricate, ammirare le case dei nobili romani, come la Villa dei Misteri, e scoprire affreschi ben conservati.

Proprio attraverso gli scavi, è stato possibile ricostruire strade, case, negozi, teatri, terme e templi, gettando luce sulle attività sociali, culturali ed economiche dell’epoca.

All’ingresso principale, vedrai il Tempio di Apollo, uno dei santuari più importanti di Pompei, importante luogo di culto per gli antichi abitanti della città.

📍 Ti piacerà visitare ed esplorare le case di Pompei

oltre al fatto di essere state meravigliosamente conservate, con pavimenti a mosaico, affreschi e giardini interni, permettono di toccare con mano i dettagli dell’architettura romana e delle abitudini domestiche dell’epoca. Ad esempio, la Casa del Fauno è una delle dimore più famose, caratterizzata da un ampio atrio con un mosaico del fauno danzante.

Ma anche la casa del Menandro ti lascerà a bocca aperta, soprattutto per la qualità degli affreschi che decorano le pareti con scene mitologiche, paesaggi, nature morte e ritratti, rappresentando una varietà di temi e stili artistici. Gli affreschi mostrano una notevole attenzione ai dettagli e una vivace gamma di colori, offrendo un’immagine vivida della vita nell’antica Pompei.

📍 I teatri antichi di Pompei

Camminando tra le rovine, potrai ammirare i teatri antichi di Pompei, come il Teatro Grande e il Teatro Piccolo, che erano i luoghi in cui si tenevano spettacoli teatrali, concerti e riunioni politiche. La Palestra Grande era invece un luogo dedicato all’allenamento fisico e agli sport.

📍 I Bagni Stabiani e i Bagni del Foro

Poi visiterai le terme pubbliche di Pompei, come i Bagni Stabiani e i Bagni del Foro, scoprendo anche alcune affascinanti curiosità sulle abitudini igieniche dell’epoca, con le loro stanze calde, fredde e di sudorazione, e le vasche per i bagni.

📍 Villa dei Misteri

Uno dei punti salienti degli scavi di Pompei è la Villa dei Misteri, appena fuori dalle mura di Pompei: una villa suburbana famosa per gli affreschi che decorano le sue pareti, rappresentanti il rito iniziatico di una misteriosa setta. 

Se dovessimo elencare in questa sede tutte i tesori preziosi che potrai ammirare camminando tra degli scavi, probabilmente scriveremmo per due giorni di fila, perché ogni angolo del sito racconta una storia diversa e ci permette di immergerci nell’antica vita romana. 

📍 Il Santuario della Beata Vergine del Rosario

Il Santuario della Beata Vergine del Rosario, uno dei luoghi di culto più importanti in Italia. 

Situato nel centro della città, accanto alla Piazza Bartolo Longo, è un punto di riferimento per i fedeli cattolici e un luogo di devozione e spiritualità.

La basilica è dedicata alla Madonna del Rosario, considerata la patrona di Pompei. La sua storia risale al 1875, quando un giovane avvocato di nome Bartolo Longo, convertitosi al cattolicesimo, decise di restaurare un vecchio edificio religioso e di costruire un santuario in onore della Madonna. Il santuario fu completato nel 1891 e da allora è diventato un importante centro di pellegrinaggio.

All’interno della basilica, puoi ammirare l’altare principale, ornato di marmi pregiati e decorazioni artistiche. Al centro dell’altare si trova la statua della Madonna del Rosario, considerata miracolosa dagli abitanti di Pompei. La statua raffigura la Madonna con il Bambino Gesù e rappresenta un simbolo di speranza, conforto e protezione per i fedeli.

Oltre alla visita dell’interno della basilica, puoi partecipare alle celebrazioni religiose che si svolgono regolarmente nel santuario. Queste includono la recita del Santo Rosario, la messa e altre cerimonie speciali legate alla devozione mariana. Durante le festività religiose, il santuario diventa particolarmente affollato, con migliaia di pellegrini che si riuniscono per rendere omaggio alla Madonna del Rosario.

Da vedere nei dintorni di Pompei

📍 Antiquarium di Boscoreale

è situato a pochi chilometri da Pompei, nell’omonimo comune, che dista appena 5 chilometri da Pompei.

Se ti sposti in auto, lo raggiungi prendendo la SS145, seguendo le indicazioni per Boscoreale. Se, invece, vuoi raggiungerlo con i mezzi pubblici, dalla Stazione di Pompei prendi la Circumvesuviana e scendi a Boscoreale. Da qui, ti conviene prendere un taxi, perché potrebbe essere difficoltoso proseguire con i mezzi.

Se sei un appassionato di storia, il museo merita assolutamente una visita, perché ospita una vasta collezione di reperti provenienti dagli scavi di Pompei e dalla città di Boscoreale, che era un centro importante nell’antichità. Tra i reperti conservati ci sono affreschi, mosaici, sculture, oggetti di vita quotidiana, monete e altri manufatti che offrono una preziosa testimonianza della vita nell’antica Pompei.

Trekking e Passeggiate

Se hai deciso di pernottare a Pompei,oltre alla lunga escursione alla scoperta di tutti i dettagli sulla vita dell’antica città sepolta, ti consigliamo di approfittarne per una passeggiata nel Parco Nazionale del Vesuvio, che ti condurrà sulla cima del Vulcano, da cui potrai ammirare tutta la baia di Napoli.

All’interno del Parco potrai scegliere tra i vari sentieri che, tra querce, pini e lecci, ti portano sulla sommità del vulcano.

All’interno del parco trovi un osservatorio vulcanologico, mentre all’ingresso potrai visitare il Museo del Vesuvio, dove potrai approfondire la conoscenza della storia vulcanica del Vesuvio attraverso esibizioni, reperti e pannelli informativi interattivi.

Se viaggi in auto, prendi la strada provinciale 5 (SP5) in direzione di Boscotrecase, raggiungi la strada provinciale 18 (SP18) e segui le indicazioni per il Parco Nazionale del Vesuvio, proseguendo fino all’ingresso del parco.

Con i mezzi, invece, dalla Stazione di Pompei, prendi la Circumvesuviana e scendi ad Ercolano Scavi, che è la fermata più comoda per raggiungere il Parco.

Da qui, prendi un altro autobus o un taxi per raggiungere l’ingresso del Parco. Dalla Stazione di Pompei partono, inoltre, le navette turistiche Tramvia Vesuvio di EAV.

Esperienze da fare a Pompei

Oltre ad una lunga visita degli scavi archeologici, con lunghe pause per approfondire via via i vari aspetti della cultura dell’antica città, a Pompei puoi goderti momenti di relax e vacanza, percorrendo il suo centro storico, esplorando il lato moderno di questa città.

Nel centro storico trovi negozietti per fare shopping, ristoranti e locali, che completeranno alla grande la tua gita fuori porta o la tua vacanza.

📣 Esperienze uniche da fare a Pompei e dintorni? Abbiamo selezionato per te le più interessanti!

Perché scegliere Pompei come destinazione di viaggio

Camminare per le strade antiche di Pompei significa immergersi in un’epoca lontana, trasportati indietro nel tempo mentre ammiriamo gli affreschi, gli altari, i templi e le terme che ci raccontano storie di vita quotidiana, culti religiosi e spettacoli grandiosi. Pompei è una tappa imprescindibile per gli appassionati di storia, gli amanti dell’arte e i viaggiatori curiosi che desiderano scoprire i segreti di un’antica civiltà sepolta sotto le ceneri del Vesuvio.

📣 Scegli Pompei se:

🔹 Cerchi una meta di interesse storico e culturale

🔹 Cerchi una destinazione strategica, che ti permetta di raggiungere e visitare facilmente altre località, come Sorrento e Napoli. Le raggiungi entrambe facilmente sia in Circumvesuviana, sia in autobus impiegando circa 40 minuti. 

Il periodo migliore per visitare Pompei

Dal momento che l’attrattiva principale è costituita dagli scavi, che richiedono un bel po’ di cammino, sicuramente i periodi migliori risultano la primavera e l’autunno. I mesi da marzo a maggio e da settembre a novembre regalano momenti molto piacevoli, con temperature miti e generalmente belle giornate.

L’inverno può riservare qualche spiacevole sorpresa, come giornate di pioggia o qualche giornata particolarmente fredda, anche se generalmente la seconda possibilità si verifica molto di rado.

Sconsigliamo i mesi più caldi, in quanto, oltre alle temperature più elevate, si concentra in città anche il maggior numero di turisti.

Il consiglio, come sempre, è quello di valutare bene in base alle tue esigenze, al tuo stato di salute e alle tue preferenze in fatto di clima e di viaggio.

Eventi a Pompei

A Pompei vengono organizzati diversi eventi e manifestazioni ogni anno. Di seguito ti segnaliamo le manifestazioni e gli eventi più importanti, ma ti consigliamo di verificare sempre presso i siti istituzionali se vi siano state variazioni.

Pompei Theatrum Mundi: Questo festival teatrale si tiene ogni estate presso il Teatro Grande di Pompei. Vengono messi in scena spettacoli di teatro classico e contemporaneo, offrendo ai visitatori un’esperienza unica di performance all’interno del suggestivo scenario degli antichi teatri di Pompei.

l’8 Maggio si festeggia la Beata Vergine del Rosario, considerata la Santa Patrona di Pompei. La messa e la processione sono eventi molto sentiti, che richiamano ogni anno numerosissimi fedeli. È un’occasione per vivere un’esperienza di fede, partecipare alle celebrazioni religiose e immergersi nell’atmosfera unica di devozione e spiritualità che caratterizza questa festa.

Oltre a questi eventi, vengono organizzate regolarmente mostre d’arte, conferenze, spettacoli teatrali e altri eventi culturali presso gli Scavi Archeologici di Pompei e nei suoi dintorni. 

Ti consigliamo di verificare il calendario degli eventi prima di pianificare la visita, in modo da poter partecipare a eventuali manifestazioni speciali che si svolgono durante il tuo soggiorno a Pompei.

Curiosità su Pompei

Una delle leggende più conosciute riguarda una presunta maledizione che colpirebbe coloro che si impossessano di oggetti provenienti dagli scavi di Pompei. Si dice che chiunque rubi o prenda illegalmente qualcosa da Pompei sia destinato a subire sfortuna e disgrazie. Online si trovano tante storie di persone che hanno restituito gli oggetti dopo aver vissuto esperienze negative.

Il cane di Pompei: Durante gli scavi, è stata scoperta anche la pietrificazione di un cane, noto come il “Cane di Pompei”. La figura del cane, con la sua espressione di terrore, è diventata un simbolo toccante della tragedia che ha colpito Pompei. Oggi, una copia in bronzo del cane si trova presso il sito degli scavi, mentre l’originale è conservato presso il Museo Archeologico Nazionale di Napoli.

Uno dei film più famosi ambientati a Pompei è “Pompei” del 2014, diretto da Paul W.S. Anderson. Il film racconta una storia d’amore ambientata durante l’eruzione del Vesuvio nel 79 d.C. Non è ovviamente l’unico film su Pompei. Tra le altre pellicole ambientate qui, vi sono “The Last Days of Pompeii” del 1935 e “Pompeii: The Last Day” del 2003.

Storia

Dall’arrivo dei Greci in Campania, che fondano le colonie di Pithecusa sull’isola d’Ischia e di Cuma, fino all’arrivo degli Etruschi che fondano Capua, Pompei entra nell’influenza degli antichi popoli ellenici ed etruschi. Durante questo periodo, viene costruito il Tempio Dorico e introdotto il culto di Apollo. Gli Etruschi costruiscono un primitivo foro, un tempio dedicato ad Apollo e fortificano le mura di Pompei.

I Sanniti, provenienti dall’interno dell’Abruzzo e del Molise, conquistano Pompei intorno al 424 a.C. e governano la città. Durante la prima guerra sannitica, Pompei si schiera con i Sanniti contro i Romani, ma successivamente si allea con Roma. Pompei entra nell’orbita romana e gode di un periodo di prosperità e espansione. Vengono costruiti il foro, numerosi edifici pubblici e privati di alta qualità architettonica, e le mura vengono rinforzate. Nonostante alcune incertezze politiche, Pompei continua a prosperare grazie alla produzione e al commercio di vino e olio.

Pompei si schiera contro Roma durante la guerra sociale, ma viene conquistata nel 89 a.C. da Lucio Cornelio Silla. Gli abitanti diventano cittadini romani e la città ottiene lo status di municipium, gestita da un Quadrumviro. Successivamente, diventa una colonia romana chiamata Colonia Cornelia Veneria Pompeianorum. Durante il periodo di Augusto, Pompei subisce una forte romanizzazione e diventa una popolare località di villeggiatura per i patrizi romani. Vengono costruiti edifici dedicati ad Augusto e si sviluppano il commercio e l’agricoltura. Pompei gode di un periodo di pace e prosperità.

Un periodo di crisi si verifica dopo il regno di Caligola e durante il periodo di Nerone, con una violenta rissa tra Pompeiani e Nocerini che provoca la chiusura dell’Anfiteatro e lo scioglimento delle associazioni illegali. Nel 62 d.C., un terremoto colpisce Pompei e causa numerosi danni. La città è ancora in fase di ricostruzione quando viene distrutta dall’eruzione del Vesuvio nel 79 d.C.

NEI DINTORNI

Agerola

Agerola


Una splendida terrazza sulla Costiera Amalfitana, meta di molti escursionisti ed amanti della buona tavola

capri

Capri


Grazie ai suoi paesaggi, alla storia e soprattutto alla sua atmosfera glamour e mondana, è una delle destinazioni di viaggio più gettonate

Praiano

Praiano


Antico borgo di pescatori adagiato su una delle più belle insenature della costa, dove tra rivoli di scale, ulivi, pini e oleandri raggiungi il mare