Praiano

Praiano

Praiano è un antico borgo di pescatori adagiato sulla dorsale che dal monte S. Angelo scende a tre Pizzi, verso il Capo Sottile, in una delle più belle insenature della Divina Costiera al centro tra Amalfi e Positano. E’ una località  dal clima particolarmente mite, di rara bellezza con le sue coste frastagliate a picco sul mare, le insenature tra piccoli arenili, le cale e calette che permettono di godere della carezza delle acque soltanto a chi conosce o riesce a scoprire i rivoli di scale che tra ulivi, pini, oleandri e buganvillee portano al mare.

Come Arrivare a Praiano

A circa 60 km da Napoli, 35 km da Salerno, 25 km da Amalfi e 18 da Sorrento.

In auto o moto, è raggiungibile attraverso la strada statale 163 sia da Salerno che da Sorrento.

Da Napoli il mezzo pubblico più veloce per raggiungere Positano è attraverso il treno della circumvesuviana fino a Sorrento dove potrai prendere i Bus SITA con destinazione Amalfi.

Da Salerno, invece, potrai raggiungere Positano utilizzando i veloci e comodi traghetti delle linee del mare fino a Positano e da lì con il trasporto interno che copre Positano e Praiano. In alternativa con i bus SITA raggiungendo prima Amalfi. Da lì prendendo il bus sulla linea con destinazione Sorrento.

Dove Dormire a Praiano

Cerca con costieraamalfitana.com la soluzione più conveniente e migliore per te!


Booking.com

Cosa Vedere a Praiano: Tour ed Escursioni

Oggi Praiano, che può abbracciare con lo sguardo le isole Li Galli e nello sfondo l’Isola di Capri, è un rinomato centro turistico che vive la sua estate all’Insegna di un turismo diverso, per gli amanti di una natura ancora incontaminata, quasi alternativo a quello delle consorelle più famose, più affollate, più consumistiche.

Praiano è un antico borgo di pescatori adagiato sulla dorsale che dal monte S. Angelo scende a tre Pizzi, verso il Capo Sottile, in una delle piùbelle insenature della Divina Costiera al centro tra Amalfi e Positano.

E’ una località  dal clima particolarmente mite, di rara bellezza con le sue coste frastagliate a picco sul mare, le insenature tra piccoli arenili, le cale e calette che permettono di godere della carezza delle acque soltanto a chi conosce o riesce a scoprire i rivoli di scale che tra ulivi, pini, oleandri e buganvillee portano al mare.

Marina di Praia, con il porticciolo di pescatori, la chiesetta dell’Annunziata, le cento barche al sole, le reti sparse e le piccole case bianche abbarbicate alle pareti rocciose, spesso ingentilite da chiazze di verde, È un piccolo regno o, se volete, una piccola repubblica retta da regole, usi e costumi tramandati di padre in figlio.

Dove Mangiare a Praiano

Praiano è una terrazza sul mare ed ogni punto di ristoro vi offrirà gusto tradizionale e viste sublimi.

Potrete assaggiare le migliori specialità della cucina campana nei tanti ristoranti e locali che incontrerete nella visita della cittadina. Consigliamo i Totani e Patate alla praianese, vera delizia del posto.

La Storia di Praiano

Nel Medioevo Praiano, l’antica Plagianum, fu uno dei casali della Repubblica Amalfitana; il nucleo abitativo sin da allora era caratterizzato da due entità : il casale di Praiano in alto e il casale di Vettica Maggiore in basso.

Una divisione che caratterizzava anche le attività  lavorative a seconda di quello che madre natura metteva a disposizione; e cosi mentre a monte abitavano i contadini, in basso vi erano i pescatori. Era quindi una città  marinara ma anche sede di rinomati laboratori per la seta, il filo, il lino e soprattutto il corallo, nelle sue acque abbondantissime.

Per la sua invidiabile posizione e la sua particolare bellezza, Praiano fu prescelta da Carlo I d’Angiò quale sede di Università , e dai dogi con le loro corti quale luogo di villeggiatura. Essa fu meta di itinerari spirituali destinati a giovani cultori di belle arti e di letteratura, che nelle loro opere hanno lasciato impresse le emozioni e le suggestioni dei luoghi visitati.

Maiori

Maiori


Maiori è uno dei principali comuni della Costiera Amalfitana. L’UNESCO ha dichiarato dal 1997 Maiori, assieme alla Costa d’Amalfi, Patrimonio dell’Umanità. Sorge tra Capo d’Orso e il breve promontorio che la divide da Minori ed…

Ndunderi di Minori: Storia di un piatto antico


Questo escursus, dedicato agli ‘ndunderi minoresi, inizia quando l’amico in visita da un’altra regione ti chiede di fargli da Cicerone. “Guidami per la Costiera: fammi scoprire i posti più belli”.…
Marisa Cuomo Furore

Marisa Cuomo a Furore: vini e storia


La Costiera Amalfitana è famosa in tutto il mondo per la sua bellezza e per i suoi prodotti tipici come ad esempio i limoni, dal quale si ricava un ottimo…