8 Consigli utili per chi visita la Costiera Amalfitana per la prima volta

Consigli utili per chi visita la Costiera Amalfitana per la prima volta

Prima di partire con i nostri consigli utili per chi visita la Costiera Amalfitana per la prima volta, vogliamo dirtelo: se hai già deciso che la tua prossima destinazione di viaggio sarà la splendida Costiera Amalfitana, siamo felicissimi per te.

Saremmo curiosi di sapere come hai scelto la tua destinazione di viaggio: magari hai parlato con qualche amico che ci è stato l’anno scorso e se n’è innamorato.

Oppure, scrollando su Instagram e Tik Tok, ti sarai imbattuto in qualche foto o video che ti ha fatto decidere che quello sarebbe stato il tuo prossimo viaggio.

A volte ci piacerebbe conoscere la storia di tutti coloro che incrociamo per strada. Lo capiamo subito che non sono del posto, perché li vediamo soffermarsi su dettagli che per noi fanno parte della quotidianità: un mulo che trasporta limoni lungo un sentiero, una signora anziana che parla con la dirimpettaia da una finestra all’altra.

Li riconosciamo dalle granite servite nella buccia del limone, portate in giro come trofei, dalle foto ai piedi del Duomo di Sant’Andrea, dal fatto che sono quelli che sorridono mentre percorrono lunghe scalinate da un paese all’altro, mentre noi, che siamo abituati a salire e scendere, siamo spesso sopraffatti dalla stanchezza della giornata e magari in quel momento non mettiamo a fuoco la bellezza che loro, per la prima volta, scorgono tutt’intorno.

Ogni volta che incrociamo qualcuno per stradine meno battute, saremmo portati a chiedergli: “Chi ti ha suggerito questo sentiero?”, perché è tanta la curiosità ed altrettanto il piacere di incontrare qualcuno che scopre luoghi meno famosi su Instagram, spesso sconosciuti ai più.

Allora, mentre curiosavamo tra un profilo Instagram e l’altro, tra un reel su Positano ed uno ambientato ad Amalfi, ci siamo detti che era il caso di raccogliere dei consigli utili per chi visita la Costiera Amalfitana per la prima volta.

L’intento, però, non era quello di inserire i classici consigli su monumenti da visitare o sentieri da percorrere.

Piuttosto, volevamo offrire dei consigli da costierino a viaggiatore con l’obiettivo di raccontarti quello che per noi è il modo più giusto di vivere la Costiera.

Di certo, la nostra intenzione non è quella di decidere come devi vivere la tua vacanza, ma di orientarti verso la modalità giusta per esplorare la Costiera Amalfitana in maniera intensa ed autentica, come piace a noi.

Sono consigli che abbiamo dato ad amici che ci hanno fatto visita, ad esempio. Sono consigli che diamo a noi stessi, quando decidiamo di goderci una giornata di pausa dal lavoro, riscoprendo sfumature del nostro territorio che la quotidianità ci fa momentaneamente mettere da parte.

Ecco, quindi, 8 semplici, sinceri, appassionati consigli utili per chi vive la Costiera Amalfitana per la prima volta. Buona lettura!

I consigli utili per chi visita la Costiera Amalfitana per la prima volta partono da qui: come spostarsi in Costiera Amalfitana

Questo consiglio è fondamentale.

A tutti coloro che lo chiedono, diciamo sempre di evitare l’auto in Costiera Amalfitana.

In primo luogo, perché la SS 163 Amalfitana è una strada stretta e tortuosa, con curve e tornanti che mettono alla prova persino gli automobilisti più esperti. Noi stessi, abituati a percorrere questa strada tutto l’anno, siamo talvolta in leggera difficoltà, quando, dall’altro lato della carreggiata, compare un pullman a bloccare il passaggio. Immaginiamo come possa sentirsi chi vi giunge per la prima volta e magari viaggia con un’auto molto grande: la prima rezione è quella di fermarsi, scendere dal veicolo e mettersi a correre.

In secondo luogo, proprio a causa di questa conformazione particolare e al cospicuo flusso turistico, è frequente trovare code lungo la strada, soprattuto nei weekend che vanno da aprile ad ottobre.

Per questa ragione, il nostro consiglio è quello di preferire il servizio pubblico: in Costiera Amalfitana trovi il servizio di trasporti su gomma SITA SUD, con autobus da e per Amalfi ogni ora circa, ed il servizio via mare Travelmar.

Il servizio via mare è quello che consigliamo di più, sia perché permette di spostarsi più velocemente, evitando il rischio di code nel traffico, sia perché offre una splendida esperienza di viaggio lungo la costa, con la possibilità di godersi lo spettacolo azzurro della Costiera vista dal mare.

Terza opzione da prendere in considerazione almeno per un giorno, durante la permanenza in zona, è sicuramente lo scooter: questo ti consentirà di goderti la Costiera in autonomia e libertà, come un vero local.

In estate, procedere lungo la Costiera illuminata di notte, col fresco e la tranquillità della sera, è un’esperienza molto piacevole e romantica, che consente, inoltre, di spostarsi da un comune all’altro oltre l’orario normalmente coperto dai bus SITA.

Se vuoi saperne di più, ti consigliamo di leggere il nostro articolo relativo agli spostamenti via mare in Costiera Amalfitana.

Se proprio non puoi fare a meno dell’auto, ti consigliamo la nostra guida ai parcheggi in Costiera Amalfitana.

Noi, però, ti abbiamo avvisato!

Preparati a lunghe e piacevoli passeggiate

Piccoli borghi, che si affacciano su baie minuscole, stradine e scalinate che collegano un villaggio all’altro, tratti di strada a picco sul mare, che regalano scorci indimenticabili: la Costiera Amalfitana è soprattutto questo.

Tra i consigli utili per chi visita la Costiera Amalfitana per la prima volta, non poteva mancare questo: preparati a lunghe passeggiate.

Molti borghi della Costiera sono collegati tramite sentieri e scale da percorrere: non evitarli! Non farti spaventare dal caldo o dalla fatica: si tratta per lo più di strade di facile percorrenza che, quando meno te lo aspetti, ti stupiscono, perché ti aprono davanti uno spettacolo naturale che in un attimo cancella ogni sforzo.

Ne vale davvero la pena.

Anzi, dato che siamo in vena di dritte, ti consigliamo due sentieri comodi e facili da percorrere.

Il primo, parte da Ravello, accanto all’auditorium Oscar Niemeyer, e permette di arrivare a Minori o ad Amalfi: una lunga scala che passa attraverso il villaggio di Torello e regala, strada facendo, il piacere di un tuffo nel passato, tra vicoletti, casette antiche e limoneti che si intravedono qui e lì.

Un altro tuffo nel passato puoi farlo attraversando il Sentiero dei Limoni, che congiunge Maiori e Minori: una passeggiata facile e piacevole, da fare anche di sera, visto che la strada è completamente illuminata.

Prepara una valigia strategica

Ed è proprio dalle passeggiate, che parte l’input per il terzo dei nostri consigli utili per chi viene in Costiera Amalfitana per la prima volta.

Parliamo di valigia  o, meglio, di come riempirla nel modo giusto.

A riguardo le raccomandazioni che ti vogliamo dare riguardano innanzitutto le scarpe: un paio di sneakers comode sono assolutamente da avere in valigia. Prendi le scarpe più comode cha hai nell’armadio, non importa quanto siano consumate: la cosa fondamentale è che ti permettano di camminare senza procurarti fastidio.

Se sei amante delle scapre col tacco, ti ricordiamo che tra scalinate da salire e scendere, sanpietrini e lunghi vicoletti da percorrere, non avrai tantissime occasioni d’uso. Se proprio non puoi farne a meno, portane un paio da utilizzare in vista di una cena romantica sul mare. Ma probabilmente ti conquisterà il fascino glamour dei tipici sandali artigianali, che si sposano a perfezione con le caratteristiche dei nostri borghi, oltre ad essere molto belli e versatili.

Nn dimenticare una giacca leggera o un maglioncino in cotone, anche se vi spostate a luglio.

Sembra il classico consiglio della nonna, ma dovevamo dartelo: le serate estive sono ventilate e piacevoli, soprattutto in alcune zone più interne, dove si sale leggermente di altezza rispetto al livello del mare. Sempre meglio non rischiare di dover tornare in albergo perchè si sente freddo!

Non dimenticare un berretto con visiera, soprattutto se viaggi con i più piccoli. Assolutamente da preferire i tessuti naturali, come lino e cotone, per garantirti maggiore comfort e freschezza durante le giornate più calde.

Assaggia qualcosa di veramente tipico

Sappiamo come va: quando si ha fame, ci si ferma nel primo posto a portata di mano. Questa è una giusta filosofia, perché siamo indubbiamente favorevoli a non pianificare tutto, per godersi appieno il fascino della scoperta e dell’imprevisto.

In Costiera Amalfitana raramente si mangia male.

Anche quando si opta per il classico “ristorante turistico”, difficilmente si potrà dire di aver mangiato il peggior pranzo della propria vita.

Tuttavia, esattamente come accade in tutte le località turistiche,  i luoghi più centrali e più frequentati da viaggiatori, sono quelli che generalmente pullulano di ristoranti e locali con menù pensati essenzialmente per incontrare il gusto di turisti internazionali.

Oltre a consultare i soliti siti di recensioni e ad informarti presso quelli del posto, puoi usare questo semplice principio: solitamente nei borghi più nascosti, meno famosi ed accessibili, i ristoranti offrono pietanze e menù molto rispettosi della tradizione locale.

A Tramonti, ad esempio, trovi pizzerie ottime e vini di pregio, ma anche ristorantini con menù molto interessanti e piatti realizzati con le ottime materie prime locali.

Nella parte alta di Positano, potresti trovare ristorantini più intimi e rustici, con una cucina decisamente più autentica e casereccia,  probabilmente con prezzi mediamente più bassi.

Anche gli agriturismi offrono belle soprese, perché spesso i proprietari coltivano gran parte delle materia prime che cucinano: qui il cosiddetto “chilometro zero” esiste da sempre!

Per rimanere sul tipico, assaggia tutto ciò che contiene il nostro sfusato amalfitano: le granite, i gelati, i dolci sono deliziosi.

Se ti capita, assaggia anche la nostra insalata di limoni.

Non dimenticare, a fine pasto, di concederti un buon limoncello o un concerto.

Se cerchi un ristorante sul mare, fatti portare presso quelli raggiungibili solo in barca: da Amalfi a Positano ce ne sono alcuni che offrono pescato del giorno e una cucina molto tradizionale e ben fatta. Non si tratta di ristoranti per turisti, ma di posti sinceri!

Pianifica ma non troppo

La prima cosa che si fa, quando si organizza un viaggio, è cercare di pianificare tutte le cose da fare e da vedere, creando una sorta di tabella di marcia che, giorno dopo giorno, fornisce una linea da seguire.

La cosa che si desidera è vedere tutto. La paura che si ha? Perdersi qualcosa!

Ecco perché abbiamo pensato che, tra i consigli utili per chi visita la Costiera Amalfitana per la prima volta, quello relativo alla pianificazione del viaggio non potesse proprio mancare.

Nulla da obiettare circa l’idea di creare un piano da seguire, stabilendo dei giorni dedicati alle singole esperienze.

Tuttavia, ti consigliamo di lasciare anche un po’ di spazio libero per l’improvvisazione.

Quando vediamo coloro che nel weekend organizzano una fuga di un giorno in Costiera, magari da Roma o Napoli, ad un primo impatto saremmo portati a chiederci il perché di questa scelta: perché non scegliere di restare nelle rispettive città, andando, ad esempio, per musei o nelle immediate vicinanze?

La risposta, però, siamo quasi sicuri di avercela:  la Costiera Amalfitana è uno stato d’animo!

Con questo, intendiamo dire che venire qui non offre soltanto la possibilità di scoprire luoghi, monumenti e spiagge meravigliose, ma anche l’occasione di rallentare, di oziare guardando il mare, di “perdere tempo” davanti ad un tramonto o sorseggiando un caffè al mattino presto.

Oppure, “perdere tempo” percorrendo un sentiero per raggiungere una destinazione che avresti potuto raggiungere in autobus o macchina.

Ancora, “perdere tempo” girovagando senza meta o restando a godersi la spiaggia che si svuota lentamente dopo il tramonto.

Insomma, un “perdere tempo” che equivale a guadagnare attimi di bellezza, stupore e serenità.

Un rallentare che vuol dire entrare in contatto con l’ambiente circostante, vivere il momento, non fare niente di speciale, perché la cosa speciale a volte è semplicemente esserci.

Se vieni in Costiera, rallenta. Segui un piano, ma non lasciarti trasportare nel vortice del “devo fare questo e quello”: entra in modalità vacanziera, rilassati e ricorda che la qualità di quello che hai vissuto vale molto più della quantità.

Colleziona attimi, non fotografie di luoghi!

Non solo luoghi iconici

A proposito di fotografie di luoghi iconici, non soffermarti solo su quelli.

Addentrati in borghi meno battuti, esci dalle rotte abituali, spingiti più lontano delle mete per turisti che hai visto su Instagram!

Sicuramente la splendida Positano, la caotica Amalfi e la luminosa Ravello sono le prime mete che ti consigliamo, se visiti la Costiera per la prima volta, soprattutto se resterai pochi giorni.

Se ne hai la possiblità, però, inserisci nel tuo itinerario qualche luogo meno iconico: raggiungi Tramonti, il polmone verde della Costiera Amalfitana, oppure Scala, il nostro borgo più antico.

Da Vietri sul Mare, vai alla scoperta dei villaggi di Albori e Raito, oppure, dal lato opposto, spingiti oltre il suggestivo Fiordo di Furore, andando alla scoperta del “Paese che non c’è”.

Insomma, se vuoi scoprire la Costiera Amalfitana autentica, devi andare oltre le cose che hai già visto in giro per il web: accendi la curiosità e preparati a fare esperienze che ti resteranno nel cuore!

Pianifica un’escursione, anche se non sei appassionato di Trekking

Se sei una di quelle persone che non ama camminare, forse storcerai il naso al pensiero di passeggiate sotto il sole, sudore e fatica.

In realtà, in Costiera Amalfitana puoi regalarti escursioni non troppo faticose, ma emozionanti ed intense, che potrebbero addirittura avvicinarti a questa attività.

Oltre al fatto che camminare faccia bene e camminare immersi nella natura sia ancora meglio, giungerai in posti meravigliosi dai quali potrai godere di un panorama unico al mondo.

Percorri il Sentiero degli Dei, da Bomerano a Nocelle, oppure avventurati nella Valle delle Ferriere, ad Amalfi. Raggiungi i resti di un’antica basilica di epoca romanica a Scala, oppure sali gli oltre 700 scalini che da Atrani ti portano dentro l’antica grotta dove secondo la leggenda si sarebbe nascosto Masaniello.

Insomma, lasciati guidare dall’ispirazione, ma non rinunciare alla possibilità di fare questa esperienza in Costiera Amalfitana: ti garantiamo che potresti tornare a casa con una nuova passione da coltivare.

Lasciati stupire: il senso di benessere di una passeggiata nel verde in Costiera Amalfitana non si spiega facilmente a parole.

 Regalati un’esperienza esclusiva in Costiera Amalfitana

Sentiero dei Limoni

L’ultimo dei consigli per chi visita la Costiera Amalfitana per la prima volta non potrebbe essere che questo: regalati un’esperienza esclusiva. Fermati un attimo a pensare a cosa ti piacerebbe fare in Costiera Amalfitana: sei un amante del cibo? Prenota una cooking class dedicata alla pizza di Tramonti!

Ami il vino e vorresti iniziare a capirci qualcosa in più? Regalati un wine tour in un vigneto di Tramonti, alla scoperta delle uve autoctone da cui vengono realizzati vini pregiati e unici al mondo!

Oppure avventurati alla scoperta del nostro “oro giallo”, entrando in un giardino di limoni ed osservando da vicino tutte le fasi di lavorazione del nostro sfusato amalfitano: potrai toccare con mano la storia della nostra terra e parlare da vicino con chi da generazioni porta avanti questa “agricoltura eroica” in un territorio splendido, ma estremamente faticoso.

Forse capirai perché per noi il lavoro è, in dialetto locale, “a’ fatica”, cioè fatica, sforzo fisico e di volontà.

La nostra lista di consigli utili per chi visita la Costiera Amalfitana per la prima volta per il momento finisce qui.

Speriamo di esserti stati d’aiuto e che questo articolo ti abbia trasmesso tutto l’amore che coltiviamo ogni giorno per la nostra terra.

POTREBBERO INTERESSARTI